festival cinema porretta

Torna il Festival del Cinema di Porretta

La XVII edizione del Festival del Cinema di Porretta, presentata nei giorni scorsi in conferenza stampa, animerà le cittadine di Porretta Terme, Vergato e Vidiciatico dal 3 al 9 dicembre.

Il Festival, una delle realtà più ricche e forti del panorama emiliano, vanta quest’anno una lunga lista d’invitati d’eccezione, primo su tutti il regista Daniele Lucchetti, al quale è stato dedicato un ricco percorso monografico presso lo stesso cinema, che ospiterà le proiezioni della manifestazione: il Cinema Kursaal di Porretta Terme.

Festival del Cinema di Porretta 2018: luoghi e proiezioni

27 proiezioni distribuite su 4 cinema, oltre 20 ospiti, una mostra su Elio Petri, presenze in sala e laboratori con registi: sono questi i numeri dell’edizione 2018. Il festival inizia e termina al di fuori del centro cittadino di Porretta, tant’è che l’ultima giornata di proiezioni si concluderà a Vidiciatico, la sera del 15 dicembre, con l’omaggio a Bernardo Bertolucci e al suo Ultimo Tango a Parigi: “Quello di Porretta è un festival diffuso, di grandi proporzioni e in grado di recuperare progetti da estendere a numerose sale – sostiene Andrea Morini della Cineteca di Bologna – Abbiamo deciso quindi di farlo concludere il 15 presso il Cinema la Pergola, proiettando un film simbolico come Ultimo Tango, proiettato in anteprima nazionale il 15 dicembre del 1972. Era fondamentale che fosse là. Per la tradizione di Porretta, per la storia cinematografica di questo territorio e per la stessa provincia di Bologna”.

Tra i titoli da non perdere, il lavoro di Costanza Quatriglio, Sembra mio figlio (2018): storia di Ismail che, scappato dall’Afghanistan, si ricongiunge con una madre che sembra non riconoscerlo. Il documentario di Wilma Labate, Arrivederci Saigon (2018), che ripercorre i passi delle Stars, gruppo musicale composto da cinque ragazze toscane (di cui quattro minorenni) e di come si sono ritrovate a esibirsi, con l’inganno, per i soldati americani, durante la guerra in Vietnam. A Soul Journey (2018) di Marco Della Fonte, anteprima nazionale, che sarà ad esempio al Cinema Nuovo di Vergato. “Devo in gran parte questo lavoro alla mia grande passione per la musica Soul e il Blues Classico – afferma il regista – Non si tratta di un film musicale ma di un’opera che esplora le vicende umane degli artisti ritratti. Un film al quale ho avuto modo di lavorare per due anni, dove l’aspetto umano risulta essere un valore aggiunto”.

Da ricordare, inoltre, il Concorso Fuori dal Giro, la Competizione nata dalla collaborazione tra Porretta Cinema e Rete degli Spettatori, dedicata ai film che hanno ottenuto poca visibilità nel circuito cinematografico, un appuntamento fondamentale e caratterizzante di questo festival che, di anno in anno, diventa sempre più un punto di riferimento nel territorio.

Lorenzo Tore