mente locale 2018

Al via la quinta edizione del Mente Locale Film Festival

Giovedì 15 ottobre si è svolta, a Bologna, la Conferenza Stampa del Festival Mente locale – Visioni sul Territorio 2018, in programma da domani al 25 Novembre nelle località di Vignola (MO) e Valsamoggia (BO). Il festival, ormai giunto alla sua V edizione, è stato inaugurato all’interno del negozio di prodotti sardi Sardinnya, in via Fondazza, luogo ideale per introdurre una manifestazione culturale sul territorio, “dal momento che è impossibile conoscere un luogo – come ha sostenuto Giorgia Boldrini, direttrice artistica del festival insieme a Stefano Pasquini – se non si entra in contatto con le sue sfumature e le sue ricchezze culinarie”. Boldrini ha introdotto con chiarezza i temi e le sinossi dei dieci lavori in Concorso, lavori che “sono stati selezionati per la loro forza e che non devono obbligatoriamente raccontare il territorio emiliano – romagnolo o sardo. Sono lavori che, per attualità e migrazione, tradizione, miracoli e memoria, vi introdurranno in storie di radici sradicate”. Anche quest’anno, come due anni fa, la regione ospitante sarà la Sardegna. Sodalizio grazie al quale, quest’anno, sarà possibile assistere alle prime immagini di Isole gemelle – dalla Sardegna a Okinawa sul filo della tessitura.

In chiusura Fabio Abagnato, responsabile di Emilia-Romagna Film Commission, ha sostenuto di “sentirsi orgoglioso di un festival di questo tipo in quanto esempio perfetto, sintesi di un connubio tra territorio e audiovisivo. Oltre a tutto questo, Mente locale si è sempre dimostrato di non incarnare il tipico festival, quel +1 buttato nel mondo festivaliero regionale bensì di essere, oltre a uno stimolo e interesse per il pubblico, parte di un’identità e vocazione”. Mente Locale è ideato e organizzato da CARTA/BIANCA con Teatro delle Ariette, sostenuto dalla Regione, Città di Vignola ed EmilBanca. La manifestazione ha ottenuto una Menzione Speciale da parte del MIBACT come attività di interesse culturale nazionale.

Mente Locale 2018: i nostri consigli sui film da vedere

Ecco alcuni film che vi consigliamo di non perdere, in programma il pomeriggio di sabato 24, presso il Teatro Cantelli di Vignola (via Cantelli 3): Enzo (Pasquale Napolitano, 2018); Il mondiale in piazza (Vito Palmieri, 2018); Mondo Za (Gianfranco Pannone, 2017).

I lavori sono enormemente differenti tra loro, per formato e per contenuti. L’unico lungometraggio è Mondo Za, lavoro del documentarista Gianfranco Pannone che si propone di riprendere il rapporto, reciproco e complesso, tra la Bassa Reggiana e Cesare Zavattini attraverso le testimonianze di quattro uomini d’età e condizioni sociali differenti. Al contrario, Enzo e Il mondiale in piazza sono due cortometraggi dinamici e brillanti. Il primo in memoria di Enzo Del Re, cantautore originario di Mola di Bari venuto a mancare nel giugno del 2011. Il regista attiva “dinamiche di conoscenza fisica e immaginaria del territorio, un processo di ricognizione psico-geografica, delineandone nuove geografie e forme di attraversamento”. Il mondiale in piazza è invece fresco del Premio Migrarti di Venezia e del Premio Leone Film Group di Roma e la storia si sviluppa da una delusione nazionale: la mancata qualificazione della nazionale italiana ai mondiali 2018. In una città del Sud Italia si decide allora di organizzare un mondiale parallelo tra i ragazzi italiani e le nazionali straniere composte da migranti. Alcuni migranti si sentono però italiani.

Che fare? Giocheranno due Italia. Vediamo chi vince.

 

Lorenzo Tore

 

Share