0

Docunder30, i film in concorso

Prende il via l’XI edizione di Docunder30 festival di cinema documentario dedicato a giovani autori sotto i trent’anni dal 14 al 16 Dicembre al Cinema Teatro Galliera di Bologna.

13 film in concorso per questa edizione 2017, suddivisi in due sezioni, Global e Intimacy, la prima incentrata sugli sguardi autoriali del linguaggio audiovisivo e la seconda orientata su storie di matrice ancestrale, figlie di un mondo interiore.

A partire da giovedì 14 verranno proiettati tre documentari per la sezione Global: Nunca Màs Hermanos di Eleonora Gasparotto Nascimben (27′, Ita 2017) che racconta la drammatica situazione del Messico con i suoi desaparecidos, la violenza di stato, dei narcos e un popolo che soffre e si ribella; Riski, di Otto Reuschel (12′, Ita 2017) la storia di un gruppo di ragazzini marocchini che sognano una via di fuga verso l’Europa e un mondo migliore; Flying Revolution di Steve Won (90′, Dt 2017) la scalata al successo di un gruppo di Breakdancer berlinesi. Per la sezione Intimacy: Bettina di Erica De Lisio (13′, Ita 2017) un intimo ritratto di una devota di Padre Pio e il suo rituale di preghiera.

La seconda giornata riprende dalla sezione Intimacy: This is not a typical Italian family di Matteo Castellino (22′, Ita 2017) la storia di Anna e Francesca che stanno insime da 17 anni con due bambini nati grazie alla fecondazione assistita che decidono di trasferirsi a Londra; Exhibit Human di Marco Camilli. Arianna Vergari, Valentina Traini (40′, Ita 2016) documentario che racconta del recentissimo metodo di plastificazione per la conservazione del corpo umano post mortem mediante l’iniezione di polimeri di silicone; Fuori di Luca Leoni (52′, Svizzera 2016) affronta il delicato tema della depressione, un viaggio tra passato presente e futuro del protagonista che combatte questo male. Per la sezione Global nella stessa giornata: In aquis fundata di Andrea De Fusco (65′, Ita 2017) un viaggio nella città dell’acqua Venezia con cinque guide d’eccezione tra cui un maestro d’ascia, una campionessa del remo, un operatore subacqueo, un mercante ittico e un pescatore; L’ultimo piano di Alessandro Zannini (12′, Ita 2017) un’indagine su come possa essere abitare sulla sommità dei palazzi più alti.

L’ultimo giorno, 16 dicembre riparte dalla sezione Intimacy: 19 Maggio 2012, Mirandola di Sebastiano Caceffo (12′, Ita 2016) documentario che approfondisce il terremoto del 2012 e che tutt’oggi affligge il cuore dell’Emilia; The Good Intention di Beatrice Segolini e Maximilian Schlehuber (85′, Ita 2016) che affronta una vicenda personale di violenza tra le mura domestiche. Sotto la sezione global gli ultimi due film in concorso: The singing Soul of Buli di Arianna Azzolini (53′, Ita2016) la storia di Buli cantante e sciamana di Città del Capo che vive nelle baraccopoli occupandosi della famiglia; infine Sunday di Danilo Currò (23′, Ita 2016), la storia di Fasasi Sunday, nigeriano, arrivato in Italia a soli 17 anni che racconta con sincerità la sua avventura.

Tutti i lavori in concorso verranno proiettati con ingresso libero durante la tre giorni a partire dalle 16.

Federica Paradiso – Web writer