0

Moving Docs e Doc/it portano Dolphin Man a Bologna

 

Moving Docs, grazie alla collaborazione con Doc/it – Associazione Documentaristi Italiani, ha reso possibile la circuitazione di film che altrimenti non sarebbero arrivati nel nostro Paese. Il fine dell’iniziativa è quello di promuovere i titoli di forte impatto, fuori dai classici circuiti di distribuzione.

Doc/it cura per l’Italia la diffusione di alcuni titoli di Moving Docs con l’obiettivo di creare rapporti e collaborazioni nel lungo periodo con le sale cinematografiche e le realtà territoriali coinvolte, inserendo le stesse in un circuito nazionale ed europeo.
La particolarità di tale approccio, diverso da quello della distribuzione classica, sta appunto nel voler creare un dialogo con le comunità in cui il film viene proiettato.
Quest’anno il titolo selezionato dal catalogo Moving Docs 2017 è Dolphin Man. Diretto dal greco Lefteris Charitos, è un documentario, non ancora distribuito in Italia, sulla vita e l’eredità di Jacques Mayol, uno dei più importanti apneisti del mondo, la cui storia è divenuta ispirazione per il film cult di Luc Besson The Big Blue.
Raccontando l’esperienza di Mayol, il film mira a stimolare una riflessione sul rapporto quotidiano tra l’uomo e il mare e più in generale la natura, rivolgendosi a ogni tipo di spettatore e non solo a un target di pubblico interessato a tematiche ambientali.

L’11 dicembre il film verrà proiettato al Kinodromo di Bologna. La proiezione sarà anticipata da un incontro con con Michele Bovo (istruttore di freediving SSI, mindfulness e hata yoga e insegnante di meditazione vipassana) e Francesca Eusebi (istruttrice di qi gong). Seguirà uno spazio di riflessione e dibattito legato al film .

EVENTO FB: https://www.facebook.com/events/1757613044283561/

La redazione